follow us: feed rsstwitterfacebook
logo moovents logo blog
30 dic 2011

Convergenza, lo tsunami che ha colpito la pubblicità

by Elena ( 0 ) commenti

Ogni singolo mezzo che faceva parte della colonna portante degli inserzionisti - giornali, radio, riviste, e-mail e TV - è in forte cambiamento. Non solo il tempo trascorso con ciascuno di questi media è diminuito, ma anche la dimensione del pubblico è scesa. L'interazione degli utenti con i media in generale sta cambiando. Gli utenti sono stati tirati in varie direzioni da alternative più attraenti ed utili. Così tutte le forme di pubblicità che si basavano sulla raggiungibilità e la frequenza (ovvero, la dimensione del pubblico e il numero di volte che viene colpito dall'annuncio) sono costretti a cambiare.
È sbagliato cercare ancora di trovare un pubblico di massa online: gli individui sono in grado di trovare e utilizzare quello che vogliono, quando vogliono. Se gli adolescenti passano più tempo sui social network e a mandare SMS, la soluzione potrebbe essere quella di incollare gli annunci stampa su Facebook come annunci display o comprare le liste di SMS? Assolutamente no.
È sbagliato cercare ancora di colpire il pubblico utilizzando informazioni personali. Le persone  vogliono socializzare, non guardare gli annunci; vogliono che le loro informazioni personali rimangano private.
Dal momento in cui le informazioni son sempre raggiungibili, si è spostato l'equilibrio del potere verso i consumatori e quindi lontano dagli inserzionisti. Pubblicare un solo messaggio, di forte impatto e aspettarsi che funzioni è corretto? Di nuovo, no.
È sbagliato pensare ancora di persuadere attraverso la pubblicità. I consumatori moderni sono abituati ad essere colpiti dalle miriadi di inserzioni, tant'è che ora sono diffidenti e gli stessi annunci hanno perso di efficacia. C'è da aggiungere poi che il consumatore, prima di agire, potrebbe andare online e fare una ricerca.

  

Cose da fare per trarre vantaggio della convergenza.
Il mondo della pubblicità come la conosciamo è arrivato a una fine? Praticamente sì. Ecco allora alcuni suggerimenti. Lasciate che sia il pubblico a diffondere per voi (amplificazione sociale): fare social media non significa attaccare gli annunci su Facebook miliardi di volte!
Non invadete mai lo spazio personale, ma fate in modo di invitarli quando vogliono. Fate loro richiesta di aggiornamenti e di altre informazioni utili, se lo vogliono, e siate sicuri di rendergli facile la ricerca di informazioni con l'utilizzo di un dispositivo mobile.

 

 

 

Leggi i commenti

Al momento non è presente nessun commento

 

Invia un commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CODICE DI VERIFICA:
17 + 0 =
Risolvi la somma algebrica. Esempio : per 1 + 3 inserisci 4

I dati sopra comunicati saranno trattati nel rispetto delle normative vigenti in materia di privacy.

logo moodemlogo multiwayslogo mooventsMOOVENTS snc
Sede di Gorizia: C.so Italia, 36 34170 GO - tel +39 0481240043
Sede di Pordenone: Via Montereale, 75 33170 PN - tel + 39 335 6893373
info@moovents.com - P.I. 01111630313
© MULTIWAYS