follow us: feed rsstwitterfacebook
logo moovents logo blog
16 dic 2010

Investimenti aziendali nel 2011: il posizionamento sui social media

by DD ( 0 ) commenti

Secondo l'ultima ricerca della StrongMail, il 50% delle aziende hanno intenzione di aumentare il loro budget per le attività inerenti al marketing online.
Infatti, alla domanda su cosa l'azienda intende investire il budget nel 2011, le risposte davano l'investimento delle maggiori risorse in: email marketing (65%), mobile marketing (35%), search marketing - SEO/PPC (41%) e Social Media Marketing (57%).

Per quanto riguarda invece le attività sui social media, le aziende danno assoluta priorità al marketing su Facebook (35%), ma il 21% investirà anche su Twitter e sulle Campagne Virali (22%).

La SmartBrief Inc invece ha appena pubblicato una ricerca svolta a giugno 2010 studiando l'utilizzo dei socia media per il business aziendale.
I risultati indicano che il:
- 66,5% delle aziende negli ultimi 18 mesi hanno adottato strategie di posizionamento sui social media;
- i social media più utilizzati sono: Facebook (49,1%), Twitter (40%), Blogsdi vario tipo (34,8%) e Linkedin (27,6%);
- i social media sono usati principalmente per aumentare la notorietà del brand (94,1%).

E allora, se la maggior parte delle aziende, che dichiarano che nel 2011 investirano maggiormente su una strategia di reputazione online,
investirano soprattutto su Facebook, Vi segnalo un'altro articolo che intervista Susan Cato, Senior Directir of Web and New Media Strategies at CompTIA.
L'articolo è interessante in quanto Susan sottolinea il fatto che: "You can't have a social media strategy without a content strategy", ovvero "Non si ha una strategia di comunicazione sui social media senza una strategia di contenuto"!.
Per spiegare questa tesi, si riportano 3 pilastri fondamentali per realizzare una strategia di contenuto:
- la necessità di sapere quali sono gli argomenti che suscitano interesse dei vostri utenti/clienti e quali sono le tipologie di conversazioni nelle quali loro vogliono intervenire;
- la necessità di sapere nei quali posti/luoghi virtuali la vostra utenza vuole sostenere queste conversazioni;
- la necessità di misurare i risultati delle conversazioni, per capire quali sono gli argomenti che l'utenza reputa maggiormente interessanti.

Il primo passo quindi è capire quali sono gli argomenti di interesse ed il linguaggio che usa il nostro target di riferimento. Per capire questo, un'idea può essere analizzare la popolarità delle keywords online su siti come Keyword Discovery oppure Google Adwords. Una volta individuate le parole chiave, bisogna passare alla fase successiva ovvero capire dove gli utenti cercano i contenuti che affrontano le
tematiche di interesse.
I vostri potenziali si possono trovare in varie piattaforme dei social media, ad esempio Linkedin contiene conversazioni B2B, Facebook è
più indicato per gli argomenti B2C, mentre su YouTube si trovano dei contenuti più disparati. Google Allert è un tool adatto a questo scopo in
quanto vi manderà mail di allert appunto su qualsiasi news, blog o articolo che contiene la keyword da voi seguita.
E last but not least, misurare, misurare, misurare il vostro lavoro:)

Per leggere gli articolo interi:
http://www.marketingprofs.com/charts/2010/4117/email-social-marketing-to...
http://www.socialmediaexaminer.com/how-to-develop-a-social-media-content...

Leggi i commenti

Al momento non è presente nessun commento

 

Invia un commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
CODICE DI VERIFICA:
8 + 7 =
Risolvi la somma algebrica. Esempio : per 1 + 3 inserisci 4

I dati sopra comunicati saranno trattati nel rispetto delle normative vigenti in materia di privacy.

logo moodemlogo multiwayslogo mooventsMOOVENTS snc
Sede di Gorizia: C.so Italia, 36 34170 GO - tel +39 0481240043
Sede di Pordenone: Via Montereale, 75 33170 PN - tel + 39 335 6893373
info@moovents.com - P.I. 01111630313
© MULTIWAYS